Investire per i figli: chi lo fa davvero?

Quanto costa un figlio?

Ti seri mai posto la domanda “quanto costa un figlio?”. C’è chi ha fatto un’analisi dei costi di vario genere considerando le spese di abbigliamento, trasporti, alimentazione, salute, educazione, senza invece prendere in considerazione altre spese come attività sportive, vacanze, regali, ciò che, in definitiva per quanto importanti, non rappresenta l’essenziale per la crescita di un figlio.

Questo studio ha pensato alle spese fino all’età dei 18 anni, senza quindi considerare le spese per l’Università, che rappresenta una voce di spesa importante per le famiglie.  La somma cui si è giunti è ampiamente variabile tra i 113 mila e i 270 mila euro, in funzione del tenore di vita delle famiglie, quindi del reddito familiare. Una famiglia in cui il reddito arriva a 165 mila Euro, una media di 11 mila Euro all’anno.

Da ciò si comprende come la natalità italiana sia ampiamente sotto alla media Europea, in calo deciso e preoccupante: le famiglie italiane sono in difficoltà, tra il precariato e la disoccupazione, pensare di avere un figlio significa donargli la vita ma anche l’incertezza futura e un presente di difficoltà.

Naturalmente non esiste un genitore che non abbia a cuore il futuro dei propri figli, sui quali spesso proietta le aspettative mancate per se stesso: se per qualche motivo un genitore non ha potuto andare avanti nello studio di ciò che avrebbe voluto, è naturale che speri che suo figlio arrivi dove lui non ha potuto. I sogni per i figli, il desiderio di un ottimo futuro per loro a parole e nelle intenzioni sono una cosa immancabile in tutti i genitori ma quanti di loro poi hanno una coerenza nel comportamento? Non basta desiderare il miglior futuro possibile per i propri figli senza operare affinché ciò avvenga e lo si deve fare fin da quando i figli sono piccoli perché sia reale quando saranno grandi.

Come investire per i figli

I figli richiedono sacrifici, si sa, quindi di fronte alla scelta tra una cena in cui spenderesti 100 euro e impegnare la stessa cifra a favore dei figli, il senso di responsabilità dovrebbe suggerirti la seconda opzione; questo non significa non concedersi nulla dedicando tutto ai figli, sarebbe una scelta non corretta, ciascuno ha bisogno anche di auto gratificarsi ogni tanto, concedersi qualcosa ma la priorità deve essere il futuro dei figli, certamente.

Dove investire il denaro a favore dei figli? Esistono i Buoni Fruttiferi Postali ma il rendimento è talmente ridotto che non può generare molto interesse nell’investitore che desidera, come in ogni investimento, accrescere le somme investite. Il vantaggio è una tassazione agevolata dei rendimenti ma parliamo di cifre piccole su somme piccole. Le Polizze vita sono già più interessanti ma sono gravate da costi che erodono il rendimento, quindi non sono nemmeno queste un investimento molto interessante. Uno strumento di investimento decisamente migliore è rappresentato dai Fondi Comuni che generano interessi interessanti anche con rischi parecchio limitati.

Il consiglio è di sottoscrivere Fondi di Investimento a rischio medio basso e di lungo termine ma soprattutto optare per un fondo ad accumulo di capitale in modo da investire some graduali, un po’ per volta. Con questo sistema anche se non si dispone di una somma importante da investire, si può iniziare anche con soli 100 Euro e poi versare mensilmente la somma che si ritiene possibile.

E’ sempre possibile sospendere i versamenti in ogni momento e decidere di mantenere in investimento il capitale fino a quel momento versato o disinvestire il capitale in caso di necessità ma questo sarebbe bene che non avvenisse. Nell’investimento sottoscrivi fondi Low Cost in modo che i costi di gestione corrente erodano il meno possibile il capitale e i rendimenti.

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *