Le dieci isole del Dodecaneso più belle da visitare

Dodecaneso, isole più belle del Dodecaneso

Le isole del Dodecaneso si estendono attraverso il Mar Egeo, lasciando villaggi da cartolina sulla loro scia. Il Dodecaneso è composto da 12 isole principali più altre 150 isole; solo 26 isole sono abitate. I viaggiatori interessati alla mitologia greca e alle rovine antiche avranno qui una giornata campestre. Le isole sono anche una destinazione perfetta per coloro che vogliono rilassarsi in destinazioni meno affollate dove possono fare escursioni a piedi, camminare su spiagge di ghiaia e assorbire una colorata cultura locale. Ecco quali sono le dieci isole del Dodecaneso più belle da visitare.

Kastellorizo

Kastellorizo è la più piccola isola del Dodecaneso, ma non fatevi ingannare dalle sue dimensioni. È un’isola tranquilla, con pittoreschi edifici di villaggio fino al lungomare. Poiché è scarsamente popolata, è un buon posto per godere della biodiversità della natura, comprese le tartarughe acquatiche e le foche.

Con solo circa 200 residenti, Kastellorizo è conosciuto come “il castello rosso” a causa un antico castello che i Cavalieri di San Giovanni costruirono con rocce colorate. Il centro abitato Kastellorizo è l’unica zona abitata dell’isola, con vicoli acciottolati e tradizionali palazzi colorati con balconi in legno e ferro.

Halki

Halki, la più piccola delle isole del Dodecaneso abitate, ha meno di 500 abitanti. Conosciuto anche come Chalki, molti dei suoi residenti sono migrati a Tarpon Springs, Florida nel secolo scorso. Hanno lasciato dietro di loro le rovine di un castello medievale che contiene ancora affreschi originali.

L’isola non ha un approvvigionamento idrico naturale e tutta l’acqua deve essere importata da Rodi o salvata in cisterne quando piove. Nimporio è l’unico villaggio e porto principale dell’isola. L’isola è stata governata da tutti i possibili popoli antichi, dai romani, ai turchi, agli italiani e ai greci. Il turismo è la sua principale industria, con la pesca al secondo posto.

Astypalaia

Astypalaia è legata alla mitologia greca, poiché Astypalaia era una donna che fu rapita da un Poseidone travestito. Chora è la capitale e il porto dell’isola: si tratta di una delle città più pittoresche dell’Egeo, arroccata su una roccia che avanza nel mare che forma due baie.

In cima c’è il castello di Chora che domina la città. Un tempo, il castello di Querini era il fiore all’occhiello della città, anche se le sue pietre sono state usate per costruire case. Un museo vicino al vecchio porto ospita una collezione di ceramiche neolitiche. Un antico cimitero contiene i resti di neonati e bambini piccoli in urne di ceramica; si ritiene che il cimitero risalga al 750 aC. Altre antiche rovine religiose si trovano in tutta l’isola, mentre altre rovine romane, come un bagno con pavimento a mosaico, aumentano il pregio del luogo.

Symi

Symi è un’isola molto pittoresca, con edifici che si estendono dalla costa fino alle montagne. La sua città principale, comunemente indicata con lo stesso nome dell’isola stessa, è uno dei porti più impressionanti dell’isola greca con eleganti palazzi sulle pendici di una collina.

Una delle attrazioni principali dell’isola è il Monastero dell’Arcangelo Michele Panormitis, ancora oggi utilizzato dai monaci, che attira visitatori da tutto il mondo. La sola città di Symi ospita 13 chiese. L’isola è popolare tra i turisti in gita di un giorno, ma i visitatori con più tempo potrebbero anche noleggiare una barca per visitare una spiaggia appartata.

Leros

Leros è un luogo ideale per i viaggiatori che vogliono solo rilassarsi, fare un po’ di beachcombing e immergersi nella cultura locale. Il relax inizia con un viaggio in traghetto di 11 ore dal Pireo, anche se i viaggiatori di fretta possono prendere un viaggio in aereo di 45 minuti da Atene.

L’isola ha una storia interessante, essendo stata governata nei secoli da bizantini, italiani, tedeschi e greci, tra gli altri. Il suo porto è stato secondo solo a Creta nel numero di volte in cui è stato bombardato durante la seconda guerra mondiale. Tuttavia, l’attrazione turistica principale è il castello medievale dei Cavalieri di San Giovanni.

Patmos

Patmos, una delle isole più settentrionali del Dodecaneso, può non avere molte persone – la popolazione totale dell’isola è di circa 3.000 persone – ma ha una significativa storia religiosa, tanto da essere stata menzionato nel Libro dell’Apocalisse della Bibbia, quando Giovanni di Patmos ha avuto una rivelazione da Gesù. Molti siti dell’isola sono collegati a Giovanni, rendendo Patmos una buona meta per un pellegrinaggio religioso.

I siti cristiani includono il Monastero di San Giovanni Teologo e la Grotta dell’Apocalisse dove Giovanni ebbe la sua visione. I resti archeologici risalgono al 2000 a.C. Il villaggio più grande, oltre che capitale e porto dell’isola, è Skála dove i visitatori troveranno alloggio e taverne di pesce fresco tra gli edifici utilizzati dagli italiani durante la dominazione italiana delle isole del Dodecaneso.

Kalymnos

I viaggiatori in cerca di una vacanza più attiva possono dirigersi verso l’isola di Kalymnos per escursioni e arrampicate. I viaggiatori, tuttavia, dovrebbero essere alpinisti esperti in grado di gestire il terreno difficile. A differenza di alcuni dei suoi vicini, l’isola è relativamente verde, con le sue strade fiancheggiate da oleandri rosa che contrastano con l’acqua brillantemente blu.

Kalymnos ha una ricca storia di immersioni, che l’isola celebra con una festa della Settimana della Spugna che si svolge la settimana dopo Pasqua. A causa del terreno roccioso, l’isola ha poca agricoltura, anche se è famosa per i suoi agrumi, così come i foulard dipinti o le donne, tutti elementi che la rendono un luogo pieno di colori ed emozioni.

Karpathos

Poiché è più remota di altre isole del Dodecaneso, Karpathos ha conservato gran parte del suo patrimonio culturale ed etnico, evidenziato dal Museo di Arte Popolare. Le spiagge sono particolarmente popolari tra i visitatori, anche se non tutte le spiagge sabbiose dell’isola sono facilmente accessibili. Karpathos ha una storia gloriosa, tanto da essere stata menzionata nell’Iliade di Omero.

I viaggiatori interessati all’archeologia possono godere di una visita alle rovine di antichi altari e santuari, alcuni dei quali risalgono al 6 ° secolo aC, tra cui la cappella di Agia Fotini, una basilica paleocristiana.

Kos

Caratterizzata da lunghe strisce di spiagge bianche e pulite e da terreni agricoli ricchi di uva, fichi, olive, mais e grano, l’isola di Kos offre bellissimi paesaggi, siti storici e grandi spiagge, il tutto in un’atmosfera rilassata. I visitatori possono esplorare attrazioni come le rovine di un antico mercato e la fortezza del XIV secolo costruita dai Cavalieri di San Giovanni di Rodi. Nell’affascinante centro della città di Kos, con i suoi edifici imbiancati con la calce, c’è un’ampia scelta di hotel, ristoranti, bar e discoteche.

Rodi

Rodi è la più grande delle isole del Dodecaneso, avendo anche la più grande popolazione di una qualsiasi delle isole. Situata nel Mar Egeo orientale, è la capitale storica delle isole.

Il centro medievale della città di Rodi attira visitatori da tutta Europa, mentre piccoli villaggi pittoreschi e località balneari si trovano fuori dalla città. L’isola, che risale al periodo neolitico, ha molte coste rocciose, mentre nell’entroterra si coltivano diverse colture come uva da vino, olive e agrumi. Un tempo, la città era un centro culturale e commerciale del Mediterraneo.

 

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *